Rivelazione di Maria SS.ma a Maria G. Norcia
25 Dicembre 1988

La Divina Famiglia e la Scala d’oro

[Audio] [Manoscritto]

Nella Cappellina vedo San Giuseppe.

È un personaggio molto bello.
La sua figura dà molta fiducia e sicurezza.
Ha uno sguardo molto intenso, come se attento in tutto per dare onore al Signore, pronto e disponibile come in attesa di ricevere ordini da qualcuno. Mi colpisce l’attenzione, la delicatezza, la disponibilità del suo atteggiamento.
Lo circonda tanta luce. Con lo sguardo mi fa notare una grande scala di luce, luminosissima, da cui scende la Madonna con il Bambino in braccio.
Com’è bella!
E’ accompagnata da tanti Angeli e Santi con il suono delle trombe.
Quando arriva giù, si siede sul trono, poggia il Bambino sulle ginocchia e loro si prostrano tutti ai suoi piedi ad onorarla.
Vedo anche tante anime, come figure di luce, che salgono e scendono.

La Madonna dice:
La scala d’oro è il passaggio fra il Cielo e la Gerusalemme dove salgono tutti i veri figli di Dio.
Non possono accedere ad essa anime incapaci di fare il bene verso Iddio e verso il prossimo.
Imitate la Divina Famiglia e non temete quanti la rinnegano perché la vittoria anche se di pochi, appartiene al popolo di Dio, come già sapete.
L’immenso dolore che provo unita a Mio Figlio è vedere tante anime che si perdono per propria colpa.
Poveri figli miei! Strappate i cattivi sentimenti, le cattive abitudini dal vostro cuore, se volete sconfiggere il male, c’è poco tempo figli miei.

In questo momento sento un  gelo fortissimo.

La Madonna dice:

Vedi figlia mia, questo gelo è il gelo delle anime, è l’indifferenza che vanifica ogni atto del piano di salvezza che Dio ha attuato sulla terra fin dalla nascita del Suo Primogenito.
Sono anime insensibili a qualsiasi azione di grazia, anime cieche che ritenendosi incolpevoli, respingono la salvezza che continua ad essere proposta a tutta l’umanità, anime che non sapendo apprezzare i doni, non li sanno far fruttificare.
Attirate dal bagliore accecante di ciò che è destinato a perire esse non sanno gustare e usare il bene che hanno ereditato con la Redenzione.

Adesso vedo la Madonna che trattiene le lacrime, mi fa provare il suo dolore, un dolore che strazia il cuore.

Ella dice:
figlia mia, che cosa fare che non sia già stato fatto per indirizzare le anime verso i veri valori dello spirito, che implicano si sforzo, sacrificio, rinuncia, ma anche amore, gioia e pace stabile.
Queste anime non possono pretendere di far parte del Regno come vorrebbero, perché sono anime incapaci di fare bene e di operare giustizia e quindi di godere un anticipo della gioia che spetta loro.
Come figli miei, anche se depravati, non ho smesso mai di bussare a quel cuore indurito, per dare loro il vero riposo dell’anima.
Ma in questo momento di tenebre, tutte le forze sataniche sono schierate nel più formidabile attacco verso le povere anime smarrite, sempre più incattivite perché non ritrovano la via giusta.
Figlia mia confido come sempre sul tuo pieno e incondizionato aiuto, per schierare stuoli di anime pronte a contrattaccare con generosità e disponibilità piena.
Lo so, non è facile agire in questa confusione.
Coraggio!
Il personaggio che oggi vi ho inviato, San Giuseppe, custode della Divina Famiglia, vi sarà in quest’anno particolarmente di aiuto.
Invocatelo spesso e in tutte le circostanze Egli saprà proteggervi e difendervi con grande potenza conferitagli da Dio Padre, nel ruolo particolare che gli ha assegnato in terra. 

La Madonna ha in mano il mondo, e alzando la mano fa un segno di Croce.

Dice:
Vi Benedico con tutta l’effusione del Mio Amore Maria Santissima vostra speranza.

Tutti gli Angeli e i Santi sollevano il Trono risalendo di nuovo sulla stessa scala luminosa; si aprono le porte del cielo e vedo una scritta luminosa che gira fortemente si legge
PAX
una voce dice:

Questa parola sarà leggibile a tutti, quando la pace sarà stabile su tutta la Terra!

Giuseppina Norcia